Finalmente l’Europa è Roaming Free

Ne parlano tutti da settimane, dal 15 giugno sono stati aboliti i costi di Roaming all’interno dell’Unione Europea. Cosa vuol dire? Che sarete in grado di utilizzare la vostra offerta telefonica all’estero senza costi aggiuntivi. 

Telefonate, messaggi e traffico internet all’estero costeranno quanto in Italia, e rientreranno nei pacchetti stipulati con l’operatore nazionale. Chi ha un contratto senza soglie massime di minuti, messaggi continuerà a non avere limiti sulle chiamate e sui messaggi in roaming. Sarà invece imposto un limite ai GB consumabili prima di incorrere in un costo aggiuntivo, che sarà di al massimo 7,7 euro per GB, e che si abbasserà in futuro. La formula per calcolare la soglia massima dipenderà dai singoli contratti, ma dovrebbe garantire margine per navigare con una certa tranquillità. L’abolizione dei costi interessa tutti i 28 paesi dell’Unione Europea (anche il Regno Unito, almeno fino alla conclusione del processo di uscita dall’Unione) e sarà poi espansa anche ai membri dello spazio economico europeo: Islanda, Liechtenstein e Norvegia.

Ilpost.it

I benefici di questa operazione sono tanti. Soprattutto in vista dell’estate. Finalmente, all’interno dell’Europa, ci si potrà sentire a casa. Come dovrebbe essere.

Mappe, Socials, Messaggi e Chiamate tutto sarà come in Italia.

Io ho avuto modo di testare tutto questo già dalla fine di Aprile, precisamente dal 24 Aprile, data in cui Wind  ha deciso di abolire il roaming con qualche mese di anticipo sugli altri operatori nazionali ed internazionali.

Nei miei ultimi viaggi, ovvero:  Portogallo, Spagna, Inghilterra (fino al 2019?) e Irlanda. Sono sempre stato in grado di usare la mia connessione dati. Senza attivare niente prima della partenza ed in qualsiasi situazione. Dalla ricerca dei luoghi da visitare, ai  ristoranti ma anche per scambiare messaggi e condividere foto e video sui miei canali social.

Il tutto, senza essere costretto a fermarmi all’interno del solito FastFood con Free WIFI per programmare i miei movimenti successivi.

 

Prima di parlarne, ho preso come riferimento quattro paesi europei e non uno solo, in modo da capire al meglio se vi fosse alcuna differenza tra paese e paese. E cosi non è. All’interno delle aeree coperte dal 4G la velcità era massima (anche più che in Italia, considerando la lentezza del 4G Wind), in tutti i paesi senza alcuna differenza all’operatore a cui si agganciava il mio smartphone.

Ho effettuato e ricevuto telefonate senza alcun costo.

Si, tutto molto bello ma la fregatura dove sta?

Nessuna. Il prezzo della mia offerta è rimasto invariato.

Nel mio caso:  All Inclusive Gold 6 Euro/Mese con 7 GB di traffico dati, niente male.

Vi sono delle soglie temporali: se nell’arco di 4 mesi un utente trascorre più giorni in un paese diverso dal suo l’operatore potrebbe imporre dei costi aggiuntivi. Al contrario, se nell’arco di 4 mesi trascorrerete più tempo nel vostro paese che all’estero non vi sarà alcun costo indipendentemente dal numero di viaggi o paesi visitati.

Siete pronti a condividere le vostre avventure estive come mai prima?

 

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

Show Buttons
Hide Buttons
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: