Sofia: una piacevole riscoperta. The Sustainable European Tour, Giorno 4.

Sofia, Bulgaria 19/08/2017

 

565 km, è questa la distanza che separa Istanbul da Sofia. Il Bosforo Express mi riporterà all’interno dell’Unione Europea, anche se solo per un giorno. Orario di partenza: 21:30, orario di arrivo: ? Indefinito. Siamo sempre nei Balcani. Il biglietto, acquistato la mattina (niente prenotazioni online), dice Cuccetta da 4 persone. Prezzo? Solo 120 Lire Turche, 28€. Il treno, è una piacevole sorpresa. I miei tre compagni di viaggio sono tre backpackers: un ragazzo Svizzero, in viaggio da 6 settimane, che rientrava dell’Armenia; un ragazzo Tedesco, al suo terzo interrail ed infine un ragazzo Turco alla sua prima esperienza su un treno del genere. L’argomento principale? Viaggi, ovviamente. Unico lato negativo del viaggio: le 3 ore di sosta al confine per il controllo passaporti.

Arrivato a Sofia, in mattinata (10:30), mi preoccupo subito di acquistare il biglietto verso la destinazione successiva. Abbandono il mio, sempre più pesante (15kg ora), compagno di viaggio e mi avventuro verso il centro della città. A Sofia ci sono già stato, 10 giorni, nell’Agosto 2014. Ricordo ancora abbastanza bene come muovermi in centro. Però, noto piacevolmente che rispetto a due anni fa la città appare molto più pulita, ordinata e moderna. Prima di ripartire, mi rilasso nel, sempre più pieno di turisti, centro. Alle 18 mi aspetta l’autobus che mi porterà a Skopje, Macedonia.

Ah, dimenticavo, livello di inquinamento dell’aria, riportato dal mio CleanSpace tag, in città è medio-basso. Bisogna considerare, però, che Sofia tende a svuotarsi ad agosto.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

Show Buttons
Hide Buttons
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: